PROSPETTIVE DI VIAGGIO NELLA GEOGRAFIA DELL'INVISIBILE Visualizza ingrandito

978-88-9637-418-4

PROSPETTIVE DI VIAGGIO NELLA GEOGRAFIA DELL'INVISIBILE

Mode e modi di viaggiare alla scoperta di luoghi nel mondo e spazi dell’anima

di Cinzia Galletto

Copertina Geografia dell'invisibile

Maggiori dettagli

Subito disponibile

17,00 €

Scheda tecnica

Copertina con alette
Rilegatura brossura cucitura a filo refe
Dimensioni 15x21
Numero di pagine 160

Dettagli

Il viaggio in tutti i suoi aspetti: la storia, il mito, le motivazioni, il turismo ecosostenibile... un originale spunto di riflessione sul viaggio come trasformazione interiore e percezione di se stessi.
Il viaggiare è un atteggiamento dell’anima: la voglia di scoprire e il piacere di lasciarsi stupire anche solo dai dettagli o dalle sfumature più banali che un luogo può offrire. “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”, sosteneva Marcel Proust. Così possiamo essere turisti anche vagando fra le vie della nostra città, oppure varcando i confini di una geografia immaginaria dove ciò che non è più visibile agli occhi rimane evidente nel cuore, evocato anche solo da un frammento, dai resti di un icona, o da un antico simbolo. Pietre silenti, templi dalle atmosfere arcane riprendono vita se, chi li osserva, li sa vedere con occhi che travalicano la dimensione del tempo per approdare nella terra del sempre fatta di geografie invisibili ed energie sottili. Un viaggio vissuto in questa dimensione ci porta soprattutto ad entrare dentro le nostre emozioni e attraverso le sensazioni date dai luoghi scoprire angoli di noi prima sconosciuti. “Viaggiando alla scoperta del mondo troverai il continente che è in te stesso” (antico proverbio indiano).

La giornalista Cinzia Galletto ci accompagna in un mondo nuovo, che esplora tecniche e tradizioni lontane, e anche la lettura diventa viaggio, che anticipa l’esperienza, con una avvolgente narrazione.


Cinzia Galletto, giornalista di stampa turistica, laureata in Lingue e Letterature Straniere presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Torino, inizia a collaborare per le pagine nazionali de “La Stampa”. Dal 1992 scrive su riviste di turismo e benessere. È autrice di diversi libri editi da Touring Club e Mondadori riguardanti le tematiche turistiche nei diversi aspetti sociologici, antropologici e semiotici. Docente di turismo consapevole e antropologia del viaggio ha individuato una nuova forma di turismo che identifica come percettivo: legato alle energie dei luoghi e alle sensazioni. È titolare della prima società nata per la comunicazione integrata del turismo termale e del benessere. Si definisce scrittrice e comunicatrice per natura / viaggiatrice e fotografa per passione.

30 altri prodotti della stessa categoria: